Ultimi argomenti
» Cannoni e artiglieri italiani a Cassino?
Ven Giu 03, 2016 8:25 pm Da Valentino Rossetti

» Ricerca informazioni
Dom Feb 08, 2015 3:41 pm Da mikidimar

» Qualcuno ha conosciuto mio padre Bersagliere del LI btg AUC ?
Ven Dic 12, 2014 4:39 pm Da Chiara Sali

» La retata
Mar Set 16, 2014 8:45 pm Da Valentino Rossetti

» V° battaglione controcarri
Mar Giu 24, 2014 11:27 pm Da m57

» I paracadutisti e il filo spinato
Gio Gen 02, 2014 12:52 pm Da Valentino Rossetti

» Gruppo combattimento Folgore
Sab Ott 19, 2013 7:05 pm Da Francesco Grassi

» zippo proiettile
Lun Giu 24, 2013 7:47 pm Da robyt

» Ciao a tutti e una piccola info
Lun Mag 13, 2013 1:07 pm Da ad14

Blumenson Salerno to Cassino

Mar Gen 03, 2012 4:44 pm Da saverio

Navigando in internet mi sono imbattuto nella versione on line del libro di Blumenson:
http://www.ibiblio.org/hyperwar/USA/USA-MTO-Salerno/index.html#index

spero di aver fatto cosa gradita.

ciao a tutti

Commenti: 0

FIGARO 'Storia di un partigiano del sud' di Luca Cifarelli

Lun Set 05, 2011 5:34 pm Da Valentino Rossetti

Conflitti armati inevitabilmente restituiscono memorie individuali e collettive.

Luca Cifarelli nel Suo Figaro, (Florestano Bari 2011) romanzo dedicato al proprio nonno materno, (Minguccio barbiere molfettese), rende perfettamente l'idea dei …

Commenti: 0

Grande stampa e cattiva informazione

Dom Giu 26, 2011 5:33 pm Da Balestrino

Inoltro alla vostra attenzione il post di un blog che segnala come sul Corriere della Sera una foto dei soldati tedeschi che trasportavano a Castel Sant'Angelo le opere d'arte di Montecassino sia stata confusa con quella di una razzia d'arte. In …

Commenti: 1

ristampa di Rudolf Boehmler "Montecassino"

Ven Apr 22, 2011 1:27 pm Da von senger

Cera da aspettarselo, è stato ristampato il mitico e fino a ora introvabile libro di Rudolf Boehmler "Montecassino". Lo trovate qui:
http://uominiearmi.blogspot.com/2010/11/monte-cassino-di-rudolf-bohmler.html

Il prezzo di 35.00€ è …

Commenti: 2


4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Mar Feb 22, 2011 6:23 pm

X edizione del raduno organizzato dall'Associazione onlus Battaglia di Cassino.
Cassino, 16-17 aprile 2011.

Vedi il programma.
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Gio Mar 24, 2011 8:57 pm

Luigi Settimi ci invia alcune brevi considerazioni in vista dell'imminente X edizione di Quattro Passi sulla Gustav.

Leggi qui le considerazioni inviateci.
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Mar Mag 10, 2011 8:00 am

Inviato da Roberto Molle

Caro Roberto,consentimi l’espressione,ma non ne trovo un’altra per esprimerti la mia gratitudine, e credo anche degli altri , per tutto quanto sei riuscito ad organizzare nei due giorni trascorsi in occasione della X edizione di 4 passi sulla gustav, diventando per me e per noi tutti , un appuntamento al quale non sapremmo mai rinunciare

L’organizzazione è stata perfetta sotto ogni aspetto: a partire dalla simulazione del bombardamento dell’Abbazia, alla presenza del sacerdote che da ragazzo ha vissuto quegli eventi e che nel raccontarli ci ha commosso e ci ha fatto rivivere quei momenti veramente tragici, alla illustrazione del campo di battaglia da parte del Magg. Livio Cavallaro , che ci ha seguito tutto il giorno descrivendo , con dovizia di particolari strategici, i vari attacchi e contrattacchi per la conquista di quota 593-575-569 , oltre ad altri particolari storici molto interessanti, a completare la scena la presenza di alcuni figuranti paracadutisti tedeschi
completi di armi (MG –MP) che inseriti nell’ambiente rendevano la scena quasi reale.

Che dire poi della “razione K ottima ed abbondante” particolarmente gradita dopo vari chilometri percorsi su quei monti teatro di aspri combattimenti tra il 17 ed il 20 maggio 1944.

Infine , come non elogiare la cena , che oltre alla bontà della pasta al forno, della carne , del contorno e dell’ottimo vino, è stata allestita in un ambiente un po’ rustico con tavoli improvvisati dove ognuno ha cercato di fare del suo meglio per rendere quella cena quasi un ritrovo di vecchi amici o meglio di veterani. Insomma siamo riusciti a creare un’atmosfera accogliente e simpatica che già pensiamo di riviverla l’anno prossimo con l’augurio che la tavolata sia più numerosa sia di veterani che di neofiti. A tal fine , fin d’ora ci affidiamo al nostro caro e simpatico Roberto Molle che fino ad oggi non ci ha mai deluso.

Grazie Roberto

Un abbraccio
Giuseppe Mindopi


Ultima modifica di Valentino Rossetti il Mar Mag 10, 2011 8:02 am, modificato 1 volta
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Mar Mag 10, 2011 8:02 am

Inviato da Roberto Molle

Dopo tre anni di “tentativi” di partecipare alla camminata, questo è stato l’anno giusto, non
c’ è stata influenza, maltempo o impegni familiari ad impedirmelo !
Vorrei ringraziare l’amico Roberto per avermi dato la possibilità di passare una bellissima
giornata insieme a tanti amici che come me condividono la stessa sana passione per la
storia. Per la verità alcuni li ho conosciuti proprio in questa occasione ed è bastato solo
due parole scambiate per trovarmi subito a mio agio.
L’organizzazione è stata perfetta e efficiente, e in particolare ho molto apprezzato il modo
come Roberto ha saputo gestire la manifestazione .
Ho letto molto sulle battaglie di Cassino, sono già stato diverse volte sui luoghi della
battaglia, ma mai come oggi ho capito e visto tante cose e aspetti a me sconosciuti che
mi hanno emozionato e fatto riflettere e questo grazie anche al Maggiore Livio Cavallaro
che finalmente ho avuto modo di conoscere.
Insomma mi prenoto fin da oggi per la prossima edizione del 2012 !

Paolo Sbarbada
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Mar Mag 10, 2011 8:07 am

Inviato da Roberto Molle.

Esistono luoghi dove il trascorrere degli anni non intacca minimamente il profumo degli eventi…ci sono luoghi dove, se solo provi a chiudere gli occhi, riesci a tornare indietro nel tempo e a sentire rumori, odori, sapori di un passato che è lontano solo perché c’è un calendario che te lo fa notare.
Montecassino è e sarà sempre uno di questi luoghi e lo puoi capire non quando ci vai la prima volta nella tua vita… ma quando ci ritorni per la decima, la cinquantesima, la centesima volta.

“Quattro Passi sulla Gustav 2011”; la decima edizione. Visi noti e meno noti intorno a
me…borracce, berretti, zaini, scarponcini da Trekking, macchine fotografiche, cartine…un po’ come quei ragazzi venuti da ogni angolo del mondo che qui, su queste creste, si affrontarono in un gioco mortale chiamato “guerra”.
L’inossidabile Roberto Molle si aggira indaffarato e sornione tra i partecipanti, una parola, una battuta, un sorriso per tutti. L’amico Mauro Lottici si lancia come sempre nei suoi voli pindarici sulla battaglia, quasi come l’avesse davvero vissuta (e forse è proprio così…). Paolo Farinosi, l’aria immancabilmente un pò “British”, nella sua mimetica vegetata e gli scarponi da paracadutista.
E poi “Lui”…Livio Cavallaro, il “Deus ex Machina” della battaglia di Cassino, colui che saprebbe dirti dietro a quale singolo sasso era nascosto ogni paracadutista tedesco che ha difeso questa zona.
Dietro di loro, intorno a loro, i volti di tanti che per questi luoghi, per questa battaglia, sentono un po’ come una sorta di richiamo, un muto verso nella notte che ti fa alzare dal letto e guardare dalla finestra. Uomini, ragazzi, signore, giovani e meno giovani; professionisti, impiegati: l’attrazione verso Montecassino non ha ceto, classe sociale, non ha religione, razza…è unica nel suo genere e prende tutti indistintamente. E’ una delle cose meno classiste che ci sia.

BRIEFING
Mentre dal cielo piovono volantini con la scritta “Amici Italiani” appositamente realizzati per l’occasione, Roberto Molle esegue le presentazioni a modo suo, tra il serio e il faceto ma in maniera impeccabile, mettendo in scena anche una piccola quanto apprezzata rappresentazione improvvisata.
Don Germano, appoggiandosi sua alla memoria (lui che ha vissuto parte di quegli eventi) ricorda il periodo che va dall’autunno 1943 all’inverno 1944…l’arrivo dei tedeschi, lo sgombero dei tesori d’arte…la fuga da Montecassino.
Infine Livio Cavallaro illustra le zone su cui andremo, le principali azioni che vi avvennero, le unità che vi combatterono… e lo fa con la solita e puntuale professionalità, lui che delle armi ha fatto il proprio mestiere e, come noi, “sente” questa battaglia sulla pelle.

SI PARTE
Prima tappa, la “Casa del Dottore”, la costruzione che durante la battaglia servì da posto di primo soccorso. I gruppi sono due: quello dei “Temerari”, che scelgono il percorso più impervio e irto di ostacoli e quello dei “Comodosi”, i quali optano per la via apparentemente più semplice.
Ma la leggenda di Montecassino colpisce ancora: difatti, sconvolgendo tutti i piani stilati (cosi come accadde 67 anni fa), la natura ha modificato continuamente il terreno…per cui basta poco ad accorgersi che non esistono percorsi impervi e altri più facili: sono tutti difficili.
Cespugli di spine, rami, sassi, muretti a secco…per raggiungere il ns “obiettivo” bisogna fare i conti con ostacoli naturali di ogni sorta…e meno male che nessuno ci spara addosso stavolta!
Ad un tratto temiamo di esserci perduti…vediamo il tetto della “Casa del Dottore”, ma non riusciamo a trovare un varco tra la vegetazione. Improvvisamente giunge in nostro aiuto un “peloso alleato”: un cagnolino che, quasi come avesse compreso le ns difficoltà, ci “scorta” attraverso il verde e i muretti a secco verso la nostra mèta. Poco prima della nostra destinazione, incredibilmente, un secondo cane proveniente dalla Casa del Dottore arriva ed è come se ci “prendesse in consegna”, dando il cambio al primo animale che se ne torna invece indietro, avendo compiuto la sua missione.
Casa del Dottore, in piena vista del Monastero e di Quota 593, che svettano entrambi in direzioni opposte a qualche centinaio di metri. Da qui passarono gli inglesi, gli indiani e più tardi i polacchi per i vari assalti all’Abbazia. Solo calcando di persona quel terreno puoi accorgerti di quanto fossero davvero difficili le condizioni operative di quei soldati che avevano come obiettivo Montecassino. Qualunque delle due quote tu volessi attaccare, c’era sempre l’altra che ti prendeva d’infilata sul fianco…e semmai avessi voluto aggredirle entrambe, il terreno tra te e loro era costellato di mine, mitragliatrici, cecchini, mortai, trappole esplosive di ogni genere…e centinaia di cadaveri. Una volta lassù hai la stessa identica sensazione che dovettero avere i soldati alleati 67 anni prima: tutto sembra vicino, a portata di mano…l’Abbazia, la Collina del Calvario…pochi passi, che volete che sia, facile…eppure quei pochi passi, quella manciata di metri, costarono in cinque mesi di combattimenti migliaia di vite umane da una parte e dall’altra e anche quando furono conquistate, lo furono perché una delle due parti aveva deciso che era inutile continuare a
difenderle, altrimenti altre vite sarebbero state bruciate.
Si consuma il pranzo al sacco e, subito dopo, Livio Cavallaro inizia la sua spiegazione degli eventi con la solita (naturale direi) precisione, da vero “professionista”. Noto che, mentre parla, cammina avanti e indietro, non sta mai fermo, come se stesse illustrando i particolari di una missione ai propri uomini. Noi intorno a lui sembriamo proprio quei soldati che, nelle varie fasi prima di ogni attacco, di certo avevano ascoltavano le istruzioni dei propri superiori.

QUOTA 593
Il secondo “Obiettivo” di oggi è Quota 593, la “Collina del Calvario”, dove svetta solenne, quasi ad attestare la volontà di un popolo intero, l’obelisco in ricordo della 3ª Divisione di fanteria polacca “Karpazia”.
Questa quota strategica aveva di fronte la “Testa di Serpe”, su un fianco l’Abbazia e sull’altro la “Cresta del Fantasma”. Dietro di essa…il nulla, un profondo dirupo che da sulla piana dell’Albaneta.
Tenere Quota 593 voleva dire avere la via spianata per tentare l’assalto al Monastero, per questo fu accanitamente contesa per tutta la durata della battaglia.
Subito dopo i combattimenti i polacchi vi eressero un grosso obelisco in memoria di quei giorni tragici e dei soldati che vi trovarono la morte, i cui nomi sono riportati alla base.
Ancora oggi lassù puoi svettare con lo sguardo praticamente dappertutto e, nonostante la
vegetazione che ha ripreso ormai possesso di ciò che era suo, non si fatica certo a immaginare che chi teneva Quota 593 poteva ambire alla conquista di Montecassino.
Ancora una spiegazione da parte del “Cavallaro Nazionale” (sono infatti convinto che occorrerebbe farlo “Monumento”) e via, si scende fino al “Campo Base” della Foresteria.

CONCLUSIONI
Sono stato contento di partecipare a questa X Edizione della manifestazione. Non ho potuto essere presente sempre e anche stavolta gli impegni mi hanno consentito di presenziare un solo giorno dei due previsti; tuttavia ho potuto cogliere nei visi delle persone e nella loro “voglia di conoscere” quella spinta a ricordare che sempre dovrebbe animarci, perché il passato è il miglior viatico per costruire il futuro. Un sincero complimento a Roberto Molle, il quale ha voluto fortemente questo evento e lo porta avanti ogni volta con immutato spirito e passione e a tutti coloro, con il loro apporto e la propria disponibilità, si sono adoperati affinché, anche stavolta, la manifestazione potesse avere la meritata riuscita.
Montecassino è nel mio cuore come un luogo amico…e percorrere quei sentieri, quelle balze assieme a tanti amici è un po’ come fare un bel viaggio.

Marco Marzilli


Ultima modifica di Valentino Rossetti il Mer Mag 11, 2011 1:30 pm, modificato 1 volta
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Mar Mag 10, 2011 8:20 am

Inviato da Roberto Molle.

Notti di Luna Piena - 4 Passi sulla Gusta 2011 - Parte I

Erano da poco passate le 18.00 quando mi sono rimesso in auto per tornare a casa.
Nel Cd andava a tutto volume “Revisiting Normandy” di John Williams;
porto sempre con me un Cd delle varie colonne sonore di vari film di guerra composte da
J.Williams ogni volta che vengo a Cassino.
I rullanti, i fiati, i violini e tutti gli altri strumenti, creavano, nella loro melodia, un eco che
sembrava spargersi per le valli intorno all’Abbazia;
rallentai il passo dell’auto per godermi meglio quei minuti finali di 4 Passi sulla Gustav e mi fermai nel tornante davanti al castello di Rocca Janula, scesi dall’auto e respirai profondamente, mentre la musica andava e lo sguardo andò oltre la torre, verso Caira, poi su monte Trocchio, ed infine alle mie spalle, verso l’Abbazia che dell’alto mi dominava con le sue mura austere.

Avevo una sensazione forte dentro di me, avevo scelto di dedicare ancora altri 2 giorni della mia vita per ricordare ed onorare coloro che mi avevano permesso di essere libero, ero fiero di quello che avevo fatto e felice per averlo condiviso con tutti voi.

Ero l’immagine di un bambino che aveva iniziato a giocare con i soldatini, era passato attraverso le letture dei fumetti giovanili, i primi musei, i primi libri, i videogiochi, ed infine con la ricerca sempre più dettagliata, era arrivato fino a quel momento, dove da adulto si rendeva conto della strada fatta, della maturazione raggiunta e della consapevolezza che la guerra è brutta e di quanto è alto il prezzo che gli uomini devono pagare per essere liberi, per sconfiggere chi vuole annientare la libertà di pensare e di vivere.

La passione di quel bambino era rimasta immutata negli anni e lo aveva portato fin nei campi di battaglia, fino a quel tornante, davanti a quel castello, dove quasi 70 anni prima, si erano scontrati degli uomini con due diversi modi di interpretare la vita, ma pur sempre degli uomini.

Riflettevo, in questi due giorni, nella pianura dell’Albaneta, della bellezza che c’è nel nostro stare insieme; è la bellezza della scoperta di quel rapporto umano che si creò fra i soldati quando furono chiamati dalle circostanze a soffrire e combattere insieme contro altri uomini, a sopportare le atrocità e le privazioni che ogni guerra porta con se.

Ci ritroviamo intorno ad una stele di marmo, ad un carro armato, ad una carta geografica, ad una croce e ricerchiamo l’intima essenza di quegli uomini, attraverso una lettura, un racconto, una traccia lasciata in terra.

C’è, in ogni reduce di quella battaglia, un legame forte al proprio compagno, al proprio nemico, i loro occhi lucidi durante i racconti, le loro pause nei ricordi, sono testimonianze forti di quanto i legami di amicizia fossero saldi malgrado l’esistenza in vita fosse legata al caso.

4 Passi sulla Gustav, ogni anno, ricerca una traccia e ricompone immagini in bianco e nero di quei giorni del ’44 e tutti insieme ci ricarichiamo del nostro essere uomini, delle nostre scelte di ogni giorno, del nostro essere giusti ed onesti, dalla conoscenza di quanto è accaduto fra quelle montagne.

La storia non si è interrotta con quanti hanno dato la loro vita; noi non abbiamo dimenticato, non abbiamo tagliato nastri in cerca di applausi e consensi non abbiamo costruito cattedrali nel deserto in memoria dei caduti che la natura farà sparire per l’incuria degli stessi ideatori.

Per noi la storia è memoria e non lasceremo mai che il delirio di una società smarrita si dimentichi di quello che è accaduto fra gli uomini, in quelle montagne nella storia della liberazione delle nostre terre.

Prima dell’evento di 4 Passi 2011 avevo scritto idealmente su Facebook ai nuovi venuti fra noi, ricercavo quelle caratteristiche, quei comportamenti che ognuno di noi ha avuto da bambino e che lo hanno portato ad avere la curiosità, l’istinto e alla fine l’occasione di incontrarci.
Nei 2 giorni ho provato a ricercare quel bambino fra le persone nuove che sono salite per i sentieri e ne ho trovato più di uno.
E’ un bellissimo segno di continuità, la memoria, attraverso il nostro impegno e quello forse dei nuovi arrivati continuerà a scrivere pagine bellissime del grande racconto di 4 Passi sulla Gustav.

Tra i sentieri ricordo due ragazzi che progettavano di portare con se, la prossima volta, delle cartine geografiche sulle quali appuntare meglio le cose che gli venivano dette.
Altri erano meravigliati di quanto fossero dettagliati i racconti e di quanto i luoghi hanno conservato intatte le forme.

Ricordo le domande classiche, “dove stavano i Tedeschi”, “da dove passavano gli Alleati”, tutte domande lecite, tutti semi della curiosità che stanno per essere piantati e che speriamo diano buoni frutti.

Ricordo che il sole ormai stava calando dietro le montagne per far posto alla notte quando decisi di ripartire in direzione di Piedimonte San Germano, dove avevo lasciato le valigie, giuntovi, caricato il tutto, mentre il portellone posteriore dell’auto scendeva, mi è apparsa la stele di marmo di quota 593….

Rimasi per un po’ a guardarla, ormai c’èra la luna alta nel cielo ed il ricordo non poteva non andare alla notte precedente, una notte che alcuni di noi ricorderanno per sempre e che voglio raccontare.

Notte di Luna Piena – 16 Aprile 2011

La voglia di stare insieme, la voglia di condividere ogni momento di 4 Passi sulla Gustav, ha
avuto, nella notte di sabato, il suo momento indimenticabile, quando, alla fine della proiezione del documentario su Cassino, Roberto, sognando ad occhi aperti, si è accorto (ma forse lo sapeva già…) che a tutti il suo sogno piaceva, non ci sono state tante parole, nessuno ha dovuto convincere l’altro, quando Roberto ha detto “io a quest’ora andrei a rendere gli onori al cimitero Polacco” ci siamo alzati tutti e ci siamo preparati per partire.

Tornare lì, in una notte di luna piena, per esserci!, per dire una preghiera ed accendere un lumino, gesti semplici, che raccontano il perché ogni anno ci ritroviamo da ogni parte d’Italia a Cassino.

Il cielo era limpido sopra di noi, la volta celeste era piena di stelle, era una notte di luna piena e si poteva quasi toccare.
L’Abbazia aveva tutte le finestre illuminate e le mura imponenti al chiarore della luna avevano un colore grigio azzurro, sembrava una nave da crociera dei primi del 900 immersa nella notte, fra balli e musiche, in viaggio nell’Atlantico.

Ci fermammo al centro del piazzale e la vista delle croci bianche era nitida, la luce della luna ne disegnava i contorni, era il tratto di una matita bianca su un cartoncino nero, un tratto fermo e preciso, non leggevamo i nomi, ma non importava, il silenzio ci avvolse nel raccoglimento e nelle sensazioni, pochi parlavano e se lo facevano era sottovoce.
La vista del campo di battaglia era nitida, lo sentivamo intorno a noi, eravamo nel centro, 6 puntini scuri illuminati dalla luna, fermi davanti all’altare centrale, come a sentire il silenzio militare.
Sentivamo la voglia di stare lì ad ascoltare anche solo il vento, i nostri passi sul marmo bianco, ad avvertire il freddo, a provare l’umidità su di noi.

Mille pensieri correvano fra quelle croci bianche, ognuno era assorto ad inseguire il suo, a fermarlo, a viverlo. Io vi racconto i miei, ma sono convinto che sono molto simili a quelli di Roberto, Paolo e degli altri amici che erano con noi.

Quanto dovevamo a quei ragazzi? La mia risposta fu: molto.
Quanto doveva la Polonia a quei ragazzi? La mia risposta fu: molto.


Forse da li è partita quell’attesa, quel sogno, che un giorno si è realizzato attraverso Solidarnosc; le cose non accadono mai per caso, alla fine c’è sempre un senso logico agli avvenimenti, ma questo può accadere solo se un popolo conserva la sua memoria e la sua identità.

Mi sono domandato, rientrando a casa: “perché non avviene lo stesso con gli eroi di Montelungo?”
La mia risposta è stata: “non lo so e mi dispiace tanto, ma forse non siamo tutti come i Polacchi”.

Non eravamo ancora stati al carro Sherman e non sapevamo delle bandiere bianche e rosse e delle rose piantate intorno; l’identità, la memoria ed il rispetto sarebbero stati così evidenti il giorno successivo.

Ci riunimmo in cerchio, illuminati dalla luna, intorno all’altare centrale, abbiamo acceso un lumino e ci siamo rivolti con la preghiera ognuno al Dio in cui credeva.

Ho avvertito intorno a me, la presenza forte di migliaia di uomini, che apparivano dal buio, prima figure evanescenti, poi sempre più nitide, scendevano le scale e si disponevano in ordine intorno a noi, erano i soldati della Kresowa e della Karpatia.

Giovani, diventati troppo presto polvere, giovani che ci ringraziavano per non averli dimenticati che gradivano la preghiera a loro dedicata, quella preghiera che non hanno fatto in tempo a dire, mentre la mitragliatrice li falciava.

Uscendo dal cimitero Polacco, dopo quel semplice gesto, carico di significato, ho sentito che il bambino che giocava 40 anni fa con i soldatini aveva chiuso idealmente il suo cerchio, aveva completato un percorso ed intrapreso uno nuovo e gli amici del nuovo percorso erano intorno a me;
eravamo uomini distanti centinaia di chilometri l’uno dall’altro, ma quel viale e quelle anime, che vedevo in fondo al viale, in piedi, ognuna accanto alla sua croce ci avevano fatto incontrare.

Ma la nostra notte di luna piena non finiva lì, gli uomini di 4 Passi sulla Gustav sono uomini liberi, hanno superato le barriere che da oltre 70 anni ci tengono divisi fra due colori, anche se uniti in una nazione, onorano chiunque abbia combattuto quella guerra e si è comportato con onore e rispetto, riconoscono la sofferenza di entrambe le parti; dei vincitori e dei vinti.
L’uomo è per noi al centro di tutto e nel caso si Cassino l’uomo-soldato.
Per questo, in quella notte di luna piena non potevamo dimenticarci dei Diavoli Verdi di Cassino.

La collina davanti al cimitero ci chiamava, decine di occhi lucidi erano per noi ancora fra quelle pietre, invisibili, come lo sono stati per gli Americani, gli Inglesi, i Neozelandesi, gli Indiani ed i Polacchi, anche loro ci chiedevano un omaggio.
Illusi da un ideale sbagliato, si erano trovati soli, senza rifornimenti, “senza paura e senza
speranza”
, come ha scritto uno dei loro migliori generali: Frido Von Senger Und Etterlin.
Condannati dagli avvenimenti, dalla potenza delle nazioni di quasi tutto il mondo, in seguito
condannati dalla storia e dalla vergogna dei campi di concentramento, si erano travati a difendere un lembo di terra ed una città.

Ma il Diavolo Verde di Cassino, l’uomo-soldato, combatteva per il compagno al fianco, per la propria divisione, per il giuramento fatto e per l’obbedienza ai superiori.
Se nessuno per oltre 5 mesi ha espugnato quella collina è perché di fronte ha trovato i migliori uomini-soldato di tutta la seconda guerra mondiale; 4 Passi sulla Gustav non poteva non onorare anche quegli uomini.

Per questo il fuori strada di Roberto si è caricato di tutti noi ed è partito alla volta di quota 593.
Lungo la strada abbiamo spento le luci per vedere al solo chiaro di luna, c’èra silenzio in auto, ognuno aveva in mente la sua pagina preferita dei libri letti in tutti questi anni, i più fortunati avevano in mente le interviste, le cene ed i caffè, condivisi con i reduci di quella battaglia.
Eravamo tutti atomi che viaggiavano con la memoria a velocità pazzesca ma che formavano una materia unica che sembrava ferma, immobile.

La salita, gli ultimi scalini e la vista della valle del Liri e del campo di Battaglia…

La notte di luna piena ci aveva dato l’opportunità.
La nostra curiosità ci aveva dato la conoscenza.
La nostra passione ci aveva dato l’occasione.
4 Passi sulla Gustav ci aveva dato la condivisione.


ed eravamo lì, infreddoliti ma contenti; un’altra flebile luce fu accesa e posta in terra, una preghiera per tutti i caduti e qualche riflessione sugli scontri su quella collina.

“Quale speranza aveva un soldato tedesco di uscire da quella collina?” I suoi ordini erano di tenerla fino alla morte. Poteva andare via se era ferito grave, fatto prigioniero o da morto.

“Si poteva resistere in quelle condizioni?” La mia risposta fu: non si poteva.
Dove hanno trovato la forza ed il coraggio? La mia risposta fu: nell’uomo-soldato al fianco,
nell’istinto di sopravvivenza, nella preparazione, nella forza morale, nella disciplina.

Doveva essere chiaro, nelle notti trascorse dentro le buche mimetizzate che la guerra era persa, da quasi 2 anni l’uomo-soldato era in ritirata; aveva visto l’orrore della Russia, l’orrore di Ortona, la ritirata dalla Sicilia fino a Cassino, non vedeva più volare in cielo un Messerschmit, non vedeva arrivare un rancio caldo, ma solo poche pagnotte e qualche pezzo di carne bollita.

Vedeva i suoi camerati cadere e non essere rimpiazzati, vedeva arrivare intere divisioni di uomini diversi, di etnie diverse e lui era sempre lì.

Forse oggi, forse domani, il destino avrebbe chiesto anche il suo sacrificio, ma nell’attesa
dell’evento fatale, forse della liberazione da tutto quel dolore; nell’attesa, doveva tenere la
posizione ed annientare tutti gli altri uomini-soldato che salivano per quella collina.

La notte di luna piena a quota 593 ci stava regalando una vista notturna terribile del campo di battaglia di allora e fantastica di oggi, migliaia di luci colorate erano sotto di noi, intorno a noi, sopra e sotto di noi, eravamo immersi in un sogno; quante volte avevamo immaginato le notti, leggendo i libri su Cassino? Quante volte ci eravamo soffermati sui racconti delle notti? Ora l’immagine era intorno a noi ed il silenzio valeva più di mille parole.

La stele bianca, illuminata dalla luna, era possente e sembrava unirsi con le stelle, ognuno era perso con lo sguardo verso uno dei punti cardinali, eravamo animali notturni che annusavano l’aria in cerca di preda, ma le prede eravamo noi, catturati da quella stele e da tutto quello che significava.

Tornando alla foresteria, non c’èra più stanchezza, forse nemmeno sonno, eravamo pieni di
emozioni e di immagini indelebili che ci avrebbero fatto compagnia per tanto tempo. Sapevamo di essere stati fortunati, sapevamo che quella notte di luna piena ci stava aspettando da tempo e le siamo andati incontro.

La notte, in albergo, nel buio della stanza, con la mente ero ancora su quella collina e riflettendo su un’idea che avevo per un nuovo piccolo racconto decisi che la notte di luna piena appena vissuta dovesse essere l’atmosfera del racconto, mi servivano ancora delle tracce, dei suggerimenti, ma c’èra ancora la domenica davanti a me e giunto a Colle S. Angelo incastrato fra due rocce, ho trovato e raccolto un pezzo di filo spinato arrugginito, molto consumato dal tempo, era quella la traccia che dovevo seguire per il racconto che come al solito segue le impressioni ed i ragionamenti che da solo faccio, quando da ultimo chiudo la fila di tutti voi arrivando in ritardo ad ascoltare le spiegazioni di Roberto, ma come ormai sapete, “ho l’orario flessibile.”

Spero che anche questa volta il mio piccolo racconto vi piaccia.

Ci vediamo alla 4 Passi sulla Gustav 2012,
anche la luna ci sarà, ne sono sicuro.

Luigi Settimi
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Valentino Rossetti il Mar Mag 10, 2011 8:37 am

Inviato da Roberto Molle.

Notte di Luna Piena – Cassino 1944

Era da circa un paio di ore che eravamo rintanati nella nostra postazione, alla base di quota 593, l’avevamo raggiunta quando il sole era calato, strisciando per non essere visti.

Avevamo salutato i camerati, preso le munizioni, un po’ di cibo le granate ed eravamo scesi in direzione della casa del dottore, davanti a noi la terra di nessuno, da dove ogni notte partivano gli attacchi del nemico.

Camminare piegati, strisciare a volte, con le cassette di MG e le granate, era difficile,
avevamo paura che un nostro rumore avrebbe rivelato la nostra posizione, scatenando
l’inferno.

Entrammo come due volpi nella tana e ci sistemammo, erano gesti ripetuti e collaudati da tempo, il posizionamento delle cassette, il binocolo, l’angolo delle razioni di cibo, dopo qualche minuto eravamo pronti a scrutare l’orizzonte davanti a noi nel più totale silenzio.

In lontananza gli echi dell’artiglieria e dei mortai erano continui, ma in quella notte, almeno dalla nostra parte sembrava tutto calmo.

Era una notte di luna piena, una strana luce avvolgeva tutto, i monconi degli alberi bruciati sembravano cavalieri delle tenebre che brandeggiavano spade e lance su cavalli rinsecchiti, le pietre riflettevano la luce bianca della luna, illuminandosi delle tonalità del grigio e del blu, la terra sembrava ricoperta di cenere bianca.

Le ombre degli alberi spezzati si muovevano nel terreno per effetto di qualche nube che oscurava la luna e ci tenevano in allarme, perché da quella valle davanti a noi, nella notte, arrivavano strisciando fino alle nostre tane per tagliarci la gola.

Fissavamo il vuoto dalla feritoia dalla quale spuntava solo la canna della MG, i nostri volti erano in parte illuminati, ognuno di noi vedeva il profilo dell’altro, nel buio della tana.

Osservavo il mio nuovo servente alla MG, non aveva nemmeno 20 anni, il Fuhrer stava raschiando il barile, la carne era finita anche in Germania.

Il volto era molto più piccolo del suo elmetto nuovo, dove a volte mi soffermavo a vedere l’aquila dei Fallschirmjäger nuova e immacolata, la mia ormai non si vedeva più e forse era volata via anche dal mio cuore.

I suoi occhi, visti di profilo, erano lucidi e vivi, ed aveva poca barba, segno della giovane età; continuava a deglutire, forse per il nervoso, ma non ebbi il coraggio di chiederlo, controllava in continuazione il nastro della MG, aveva il terrore che si bloccasse, ma l’arma che avevamo in dotazione non dava il tempo al nastro di ragionare.

I nostri sguardi si incrociavano spesso, qualche sorriso, qualche respiro più forte, ma per il resto solo il silenzio e l’odore dei nostri corpi e delle nostre divise che non vedevano acqua e sapone da troppo tempo.

La calma di quella notte ci diede modo di parlare.

“pensi che attaccheranno?” mi disse sottovoce “con questa luna piena, devono essere dei pazzi” risposi.

Sembrò tranquillizzarsi a quelle mie parole, ma dopo qualche secondo riprese a stendere il nastro della MG facendo scorrere la mano lungo la fila dei bossoli come fossero i capelli della sua donna.

“hai una donna che ti aspetta in Germania?” gli chiesi.
il suo silenzio fu più chiaro delle parole.

Si piegò di un lato, apri la divisa e ne estrasse una piccola foto in bianco e nero, che
poi tese verso di me.

In quella notte di luna piena non fu difficile vedere l’immagine, la spostai solo di poco verso la feritoia per approfittare della luce bianca offerta dal cielo.
Era bellissima, bionda, forse bavarese, la foto doveva essere stata scattata di domenica, quando si indossa il vestito della tradizione, forse appena uscita dalla messa.

“avete mangiato lo stinco di maiale in quella domenica e bevuto una Poulaner,” gli dissi, porgendo di nuovo la foto che man mano svaniva nei contorni allontanandosi dalla feritoia.

Sorrise, guardò la foto, sentivo le sua emani ruvide scorrere su quel foglietto di carta, tanto era il silenzio, baciò la foto e la ripose all’interno della divisa, nel lato del cuore.

“come fai a saperlo?”
Sorrisi anche io e tornai a guardare fuori, era davvero una bella notte di luna piena.

Alla nostra sinistra l’abbazia, o quello che ne rimaneva, sembrava un lenzuolo strappato in un momento di follia, steso ad asciugare.
Per tanto tempo non sarebbero potuti andare a messa lì, che follia quella distruzione; noi qui, arroccati su questa roccia e tutta la loro potenza scatenarsi a poca distanza.

Per centinaia di anni era stata un riferimento di fede e pace ed ora subiva le conseguenze di una ritirata che ci obbligava a cedere il terreno un centimetro alla volta, chissà quanto tempo ci avremmo messo a tornare in Germania e chissà se lo stesso tipo di trattamento lo stavano riservando alla nostra nazione.

Alcune volte riflettevo ed arrivavo alla conclusione che stavamo ricevendo, con gli interessi, quello che avevamo dato, ma non potevo dirlo a nessuno, nemmeno scriverlo, sapevo che molti fra di noi lo pensavano, ma eravamo Fallschirmjäger, l’elite dell’esercito Germanico, dovevamo trovare dentro di noi la forza per combattere e resistere, nessuno ci avrebbe dato una mano, eravamo solo noi, ma eravamo i migliori, non contava più essere dalla parte dei buoni o dei cattivi, non potevamo più tornare indietro.
In ogni guerra c’è un punto di non ritorno, non puoi più fermarti, il tempo della mediazione, della trattativa, fra le poltrone in alto, finisce e parlano solo le armi e ad imbracciarle sono quelli che in tutto il tempo della trattativa sono stati uomini liberi, che in pace andavano a messa la domenica o in qualsiasi altro posto la fantasia gli avrebbe suggerito.

Questi uomini liberi devono indossare un elmetto, un fucile e andare a combattere;
alcuni per conquistare delle case, altri per difenderle.

Il tempo della conquista per noi era finito, stavamo lasciando di nuovo tutte le case conquistate e presto saremmo tornati come prima e tutti i camerati caduti non avrebbero più avuto senso, forse solo nella memoria di coloro che vi hanno combattuto e di pochi altri che un giorno sarebbero tornati su queste colline per capire cosa accadde in quell’inverno del ‘44, speravo solo che avessero avuto un pensiero anche per noi.

“pensi usciremo da qui?” mi chiese il camerata nella tana, facendomi tornare nella realtà.
“non lo so, ma in qualche modo usciremo; un Fallschirmjäger può uscire da qui in tre modi,
ferito grave, prigioniero o morto!”

Fermò di colpo la mano sul nastro dell’MG poggiandolo sulle gambe, la sua testa scivolò all’indietro sulle rocce della tana.. avevo detto quello che non voleva sentire.
Sembrava così forte nella sua armatura, così forte nella sua preparazione di soldato, eppure era debole e fragile.

“io vorrei rivederla”; il ragazzo che era in lui stava uscendo man mano fuori, la divisa a volte è un guscio dove ci nascondiamo e quando sei da solo o con poche persone esce fuori l’uomo o il bambino che è in te.

“tutti abbiamo qualcuno da rivedere”, sapevo che quella risposta era molto cruda, ma
volevo che non si sentisse il solo a desiderare di rivedere qualcuno.

“tu sei sposato?” mi chiese.
“si” risposi, “ho seguito le indicazioni del Fuhrer caro mio, ho sposato un ariana ed abbiamo cercato di fare figli per migliorare la razza”, presi dal tascapane un pezzo di pagnotta di quel quarto che mi spettava, era un modo per distrarmi dalle risposte che avrei dovuto dare in seguito…

“e ci siete riusciti?”
Lo sapevo, dovevo dare quella risposta…
“abbiamo scoperto che non posso darne, sono un Ariano difettoso..io”
“un Fallschirmjäger che vola nel cielo, il migliore fra tutti i soldati della Wehrmacht,
non può dare figli alla propria moglie”

“ma non è così grave” cercava di rincuorarmi.
“lascia stare” risposi, volevo troncare quel ragionamento.

Vedemmo a quel punto un colore nel cielo, una luce verde, il segnale era evidente ed i colpi che sentivamo in lontananza erano diretti verso di noi, bisognava raggiungere il ricovero ed aspettare il bombardamento.

“fuori! Fuori!!

La vita e la morte in quegli attimi è legata alla velocità che si ha nel raggiungere il rifugio ed alla fortuna che una granata non cada nella buca o nelle vicinanze.

Lasciammo lì solo alcune cose, prendemmo l’MG le granate ed i caricatori ed uscimmo di nuovo, in quella notte di luna piena, la luce fuori era fortissima, se ci fosse stato un solo cecchino appostato ci avrebbe fatto fuori in pochi minuti.

Correre con le spalle rivolte al nemico non è bello, mentre corri, sei in attesa della vampata di calore improvvisa, del metallo che entra nella carne e pone fine alla tua esistenza, la corsa può terminare in un’ istante e non avrai mai visto in faccia il tuo nemico.

Per fortuna arrivammo al rifugio già pieno di altri Parà, fu bello ritrovarsi, per qualche secondo tornammo uomini con le passioni e gli affetti.

Il bombardamento arrivò preciso e puntuale, i tempi di arrivo delle granate ormai erano risaputi, l’inferno si scatenò su quella parte di collina, ma la luna sopra di noi sembrava non curarsene, nella dimensione del tempo e dello spazio, quello che ci stava accadendo era un’ istante.

Ma in quella notte gli scoppi erano più vivi, la luna illuminava il campo di battaglia e vedevi perfettamente dove cadevano le granate.
Eravamo abituati a quella situazione, solo gli scoppi più vicini ci lasciavano per qualche minuto storditi e la polvere ed il fumo raggiunsero subito la nostra grotta.

La luce della luna filtrava dall’apertura della grotta e nel fascio blu, i nostri corpi avvolti dal fumo, sembravano fantasmi e forse lo erano già considerato quello che ci stava piovendo addosso.

Quando tutto cessò, scattammo fuori, senza un saluto, uno sguardo, ognuno doveva tornare subito alla sua tana, se questa c’èra ancora; di li a poco avrebbero attaccato, convinti di averci fiaccato.

La nostra tana era in parte crollata, ma l’ingresso era libero e vi entrammo con qualche difficoltà, eravamo più stetti di quando l’avevamo lasciata, posizionammo l’MG inserimmo il nastro e rimanemmo in attesa guardando di fronte a noi, mi posizionai sulla linea di tiro e posi l’arma in orizzontale perfettamente allineata e fissata a me.

L’attesa era ogni volta stressante, ogni volta pensi sia l’ultima, ma adesso non c’era molto tempo per pensare ed il ragazzo accanto a me, nel suo essere così giovane mi dava la forza per continuare, mentre io per lui ero la sicurezza che tutto sarebbe andato bene.

Era quella fratellanza, quella comunanza di intenti che ci faceva andare avanti ed affrontare tutto.
Nella concitazione della sera, ci eravamo dimenticati di mangiare quel poco che ci avevano dato, le nostre razioni erano ornai fredde, le avremmo mangiate dopo, se uscivamo vivi da quell’ennesima notte.

Arrivarono all’improvviso, erano figure che si muovevano lente, forse nella consapevolezza di non essere viste, ma la notte era troppo illuminata per non essere viste, la mattanza stava per iniziare, vidi gli occhi carichi di apprensione del ragazzo accanto a me e gli feci un cenno con il capo in modo da tranquillizzarlo, l’immagine del natale a Francoforte mi venne in mente, non so perché, forse era la mia anima che si aggrappava disperatamente a qualcosa in cui credere a qualcosa che desse la forza in quel momento, so che mi sentii meglio e presi le leve della mitragliatrice aspettando il momento giusto.

Erano corpi piccoli, non erano americani, nemmeno inglesi, anche se il loro elmetto lo era, stavamo combattendo contro mezzo mondo, si erano riuniti tutti lì a Cassino per farci la festa, ma sembrava fino a quel momento che la stavamo facendo noi a loro.

Erano piccoli e tozzi, e la luna non riusciva ad illuminare i loro volti, ormai vicini alla nostra linea di tiro utile, tra noi e loro solo le spire di filo spinato, che martoriate dal tiro di artiglieria sembravano corde di violino rotte che si liberavano nell’aria.

Era giunto il momento, avvicinai la tacca ti tiro al centro del soldato nemico più vicino, premetti la leva di sparo e fui avvolto dalla luce della Spandau che sparava, brevi raffiche, sentivo il rumore dei bossoli che cadevano sulle pietre, i colpi iniziarono a colpire i fanti che avanzavano, la luce della luna piena mi aiutava nella mira, salivano dalle tenebre, si movevano veloci ed infine cadevano sparendo all’orizzonte, diventando un rilievo del terreno.
Il fumo mi accecava la vista, ma sapevo che erano davanti a me e continuai con le brevi raffiche.
Tutto era un rumore assordante, anche dalle altre tane iniziarono a fare fuoco e per coloro che avanzano fu l’inferno.
Li vedevamo correre a destra e sinistra, cadere, rialzarsi, poi strisciare ed infine fermarsi nell’ultimo alito di vita.
I mortai iniziarono a martellare quella parte di collina ed i corpi venivano fatti a pezzi, il mio aiutante gridava, indicandomi dove sparare e quando il nastro finiva lo vedevo muoversi con frenesia e precisione, era una macchina efficiente, come lo ero anche io, insieme eravamo un terribile strumento di morte.
Continuavano a venire avanti, erano un torrente in piena che si infrangeva contro una diga rimanendone ai suoi piedi.
Il terreno era talmente ricoperto di soldati caduti che i nuovi non sapevano dove mettere i piedi, mentre ruotavo la Spandau, vidi che nel settore di filo spinato più vicino a noi erano riusciti ad entrare, forse la tana di sinistra era stata distrutta; concentrai tutto il fuoco su quella zona e vidi le figure cadere una ad una, erano tante, cadevano tutte insieme sotto la luce bianca della notte, sentivamo le grida di dolore, le grida di incoraggiamento, cercavano di farsi coraggio per raggiungere la nostra posizione, ma non vi riuscivano, finchè nel buio ne vidi uno più vicino degli altri, mi spostai di pochi centimetri e premetti di nuovo la leva di sparo, i colpi lo centrarono in pieno, si fermò di colpo, era in procinto di saltare il filo spinato, sembrò come assorbire i colpi, rimase qualche secondo immobile, poi alzò la testa e cercò di guardare da quale parte era arrivata per lui la morte, il suo fucile cadde in terra, si ripiegò in avanti scendendo lentamente, finchè il suo corpo andò a posarsi sul filo spinato, nel punto dove era più fitto ed intrecciato, rimanendovi appeso, le sue mani da aperte si strinsero, forse in cerca di sollievo dal dolore, dalle sue spalle vedevamo i fori di uscita dei colpi, le sue gambe cercavano un appiglio utile per rialzarsi da quella posizione, ma poi si fermarono; lentamente distese le sue mani e rimase immobile; l’elmetto gli cadde in terra restando illuminato dalla luna piena di quella notte di morte; avevo appena ucciso l’uomo che avrebbe cambiato la mia vita, ma ancora non lo sapevo.

L’attacco cessò, sentii il fischio di ritirata e tutto tornò come prima, tranne lui,

sospeso in aria, davanti al mio orizzonte visivo, al chiaro di quella notte.
La mia guancia era ancora appoggiata alla Spandau, il servente al pezzo era anche lui fermo a fissare quella figura immobile, tutti gli altri erano spariti, inghiottiti dal terreno, ma lui in quella posizione sembrava venirci sempre addosso, ci dava fastidio vederlo, ci faceva sentire colpevoli, riassumeva il dolore della morte per tutti i caduti, le sue braccia aperte sopra il filo spinato, le sue mani ciondolanti ed il corpo perfettamente in linea, proiettavano in terra una forma inconfondibile, di una croce.
Non eravamo diventati pazzi, quella era una croce, che spariva al passaggio di qualche nube, o del fumo di qualche granata di mortaio che maciullava quei poveretti.
Rimanemmo in silenzio, l’odore della povere da sparo era intenso e ben presto sarebbe stato sostituito dall’odore dolciastro della morte.

Mi sedetti sul fondo della buca, tolsi l’elmetto ed asciugai il sudore, quanti ne avevo ammazzati oggi? 10? 20? 50? Non lo sapevo, erano spariti nelle curve del terreno come sempre, io di certo ne avevo ucciso uno.
Sotto l’ombra dell’elmetto vidi gli occhi del mio servente, erano lucidi, non era ancora abituato a tanta cattiveria, ma ci avrebbe fatto presto l’abitudine.

“vai a prendere altri caricatori, resto io qui” gli dissi, prendendo un pezzo di pane dalla mia sacca.
“ma come fai a mangiare?” mi rispose lui.
“fra qualche ora, appena il sole sarà alto verremo assaliti dall’odore della morte, poi non avrò più fame, mangia anche tu”.
Uscì dalla tana senza rispondere, avevamo ragione tutti e due.
L’alba ed il giorno arrivarono presto e la calma prendeva il sopravvento su ogni cosa, non era stato un grande attacco ieri sera, forse volevano verificare le nostre difese o stavano preparando qualcosa di grosso.
“l’osservano dalla feritoia, era rimasto lì, troppo vicino a noi per essere raccolto, ma anche gli altri nella valle più in basso erano stati lasciati lì.
L’odore della morte risaliva su quota 593.
Perché non era caduto come gli altri? Perchè non spariva dalla mia vista? Doveva proprio rimanere appeso davanti alla mia tana?
Chi era?
Scopri al comando che era un soldato di una divisione Indiana, era incredibile da quanta distanza era vento a combattere e morire.
La sua vista era una costante nei giorni successivi, scendevamo e risalivamo da quota 593 e lui era sempre lì.
Nelle ore del giorno passate in silenzio dentro la tana, non potevamo non pensare a lui, era davanti a noi e si stava decomponendo alla nostra vista aggiungendo orrore su orrore; vedevamo la sua divisa sgonfiarsi, cedere, man mano che la carne perdeva di consistenza.
Iniziò in quel momento a venirci l’idea di seppellire quel soldato, forse volevamo nasconderlo alla nostra vista o forse stavamo cambiando come persone, ci sentivamo uniti in quell’idea anche se non sapevamo come fare.
L’occasione ci venne durante un pausa nei combattimenti, quando vedemmo due nostri infermieri soccorrere alcuni dei nostri e dei loro feriti.
Avevano solo un drappo bianco ed un bastone, questo bastava a non essere centrati da un cecchino o ricevere una salva di mortaio di benvenuto.
Sembrava assurdo quel nostro pensiero, avevamo ucciso all’inizio di quella collina, decine e decine di soldati e forse ne avremmo uccisi ancora altri, ma quel soldato appeso al filo spinato, che cercava disperatamente di raggiungere, nella sua decomposizione, la madre terra, ci aveva toccati nell’animo.
“io vado” dissi al mio servente,
“vengo anche io” mi rispose,
“non possiamo lasciare la tana senza difesa, puoi coprirmi le spalle nel caso dovessi tornare di corsa”
Fece un cenno di conferma con la testa e si mise ai piedi della MG.
Uscii nella notte dalla tana ed iniziai a strisciare verso il basso, verso il filo spinato e quel nostro amico di cui non sapevamo nulla.
Stavo rischiando la vita per seppellire un nemico! Se mi avessero visto avrei rischiato la corte marziale, ma volevo farlo, era più forte di me.
Raggiunsi il corpo del caduto, ed iniziai lentamente ad alzarmi, era il momento più difficile, se mi avessero visto avrei fatto compagnia al mio amico sconosciuto.
Non successe nulla, ho pensato, negli anni successivi, che qualcuno mi avesse visto ma capì quello che stavo facendo.
Il corpo era morbido ed emetteva un fetore terribile di composizione, la carne ormai era decomposta nei colori che difficilmente si possono descrivere, cercai di tirarlo su, ma veniva via a fatica, i suoi tessuti ormai si strappavano ad ogni movimento, decisi quindi di spostarlo solo di pochi metri, dove il terreno offriva la possibilità di un minimo di sepoltura, feci una piccola buca e lo raccolsi al suo interno; nel muoverlo mi accorsi che il suo zainetto era rimasto fuori, ero indeciso se lasciarlo con lui o portarlo con me.
Chissà forse al suo interno avrei trovato i suoi documenti e saputo chi era.
Ricoprii la buca con la stessa terra che avevo tolto presi un po’ dei sassi che erano tutto intorno per evidenziare quella sepoltura, li raccoglievo e riponevo con calma per paura di produrre rumori che avrebbero scoperto la mia posizione, per ultimo presi il suo elmetto e lo posi in alto sui sassi.

Ero soddisfatto, la paura era cessata, la scarica di adrenalina mi stava dando aiuto, presi un po’ d’erba e mi pulii le mani, l’odore della morte aveva attaccato tutta la mia divisa e le mie mani e quella poca erba fu di sollievo, presi lo zaino e scivolai di nuovo verso la tana.

L’alba ormai stava per arrivare e aspettavamo il momento di luce per aprire lo zaino del nostro amico.
Quando la luce lo consentì, lo aprimmo, vi erano caricatori, qualche bomba a mano, dei calzini di ricambio, un pacchetto di medicazione, ed un portadocumenti avvolto in un telo, forse per proteggerlo dalle intemperie.

Restammo per un attimo immobili, stavamo per scoprire chi era il nostro nemico.
Aprimmo quei lembi di stoffa e la pelle di quel portadocumenti, stavamo per entrare nella vita e negli affetti di quella persona alla quale avevamo strappato la vita.

Era un soldato semplice della 4a Divisione Indiana.
Tra le carte trovammo alcune lettere ricevute da casa ed una non ancora terminata, forse iniziata la notte dell’attacco.

Alla fine dei fogli di carta vi era una foto, conservata all’interno di altra carta, forse per paura di essere rovinata; aprimmo quel foglio di carta e ci sembro il mondo cadere addosso.

Vi era una piccola donna minuta sorridente con un bambino ai suoi piedi ed un altro in braccio, a giudicare dal piccolo è probabile che non lo avesse mai conosciuto e quella doveva essere una delle prime foto ricevute.

Malgrado non conoscessimo la sua lingua, fu facile capire che il nome scritto sulla foto era quello del piccoletto.

Chiudemmo tutto con calma, come per non rovinarlo, e lo riponemmo dentro le stoffe, ed infine lo misi nel mio tascapane.

Rimanemmo in silenzio per un po’, sapevamo di condividere le stesse sensazioni, quell’uomo, che non conoscevamo, aveva riassunto tutti i desideri che avevamo entrambi; una donna, un amore, una vita in pace e dei figli.

Forse era già in viaggio la lettera che informava la famiglia del suo decesso sulle colline di Cassino.

Come avrebbero sfamato quei due bambini? Come avrebbe sopportato quella perdita?
Eravamo pronti su quella tana ad uccidere altri uomini e ci stavamo ponendo delle domande su come i familiari di un caduto sarebbero potuti sopravvivere; ma ogni notte la nostra Spandau era pronta a mietere altre vittime; eravamo divisi fra il nostro dovere di soldati e l’essere uomini, creature fatte a somiglianza di Dio e così fu per altri 3 mesi, quando arrivò l’ordine di ritirarci.

Lasciammo quella notte la nostra tana e poi la grotta che fu fatta saltare in aria, io e il mio servente discendemmo la via della morte, la battaglia era persa, il fronte aveva ceduto e ci saremmo arroccati su una nuova linea difensiva.

Ogni tanto, scendendo, il nostro sguardo ritornava su quella collina e su quelle notti passate nella tana; ma quella notte di luna piena ci aveva cambiato nell’animo, quel soldato ucciso, appeso a quel filo spinato, ci aveva raccontato nel suo muto silenzio tante cose, fino a farci conoscere la sua famiglia.
Quell’immagine scura a forma di croce, in contrasto con la luce della luna piena ci fece compagnia per tutto il resto della campagna d’Italia, fino a quando fummo fatti prigionieri.
Quella collina fu il calvario per tutti noi che la difendemmo e per coloro che la attaccarono, sarebbe stato giusto un giorno issarvi una croce in memoria.
……………………………………………………………………………..
……………………………………………………………………………..

Arrivai all’aeroporto di Francoforte in taxi, mi accompagnava mia nipote, ero emozionato, ma la mia età non lo lasciava vedere, la mia testa guardava troppo spesso in basso, aggrappata come il resto del corpo ad un bastone.
Lentamente raggiunsi la grande sala d’aspetto.
Com’èra cambiata Francoforte, non era più quella di una volta, adesso tutto era moderno, tutto era nuovo ed al passo con i tempi.
Mi fecero sedere all’inizio di una lunga fila di sedili vuoti, dietro di me altre file vuote ed una grande vetrata tutta d’acciaio.
Mi dissero di aspettare lì, giusto il tempo per verificare l’arrivo previsto del volo.
Rimasi solo in attesa, seduto e aggrappato al mio bastone, avevo freddo, il cappotto ormai non bastava più per proteggere le mie ossa ed i piedi erano completamente gelati.
Ogni volta che provavo freddo il pensiero tornava sempre a quell’inverno del ’44 in Italia e rimanevo assorto nei miei ricordi ovunque mi trovavo, ma il luogo che preferivo di più era nella casina degli attrezzi, in giardino, un luogo piccolo e angusto, senza riscaldamento, con una sola piccola finestra nel retro che dava verso la campagna, da quella piccola finestra potevo scorgere solo una porzione della valle ma vi restavo per ore, ed il pensiero ritornava sempre alla mia tana alle pendici di quota 593, a quel filo di ferro spinato ed a quell’uomo appeso sopra. Ricordavo tutti i camerati che non erano tornati e che avevo lasciato là e mi sentivo solo.
In quella casina, per me una postazione di avvistamento, non accadeva mai nulla, vedevo salire e scendere il sole, passare le stagioni e gli alberi che si coloravano di verde per poi perdere le foglie.
I nipotini venivano spesso a cercarmi per dirmi che era l’ora del pranzo o della cena, sapevano dove trovarmi ed io facevo fatica a far sembrare tutto normale; ufficialmente stavo riparando una vecchia sedia, ma era solo una illusione.
Il grande salone dell’aeroporto era vuoto, un pomeriggio calmo, non c’èrano molti turisti a Francoforte, fuori nevicava ed ai pochi passanti dovevo essere sembrato un vecchio barbone abbandonato in cerca di calore.
Due poliziotti si avvicinarono per chiedermi i documenti, li fornii non senza qualche difficoltà, la mia mano tremava e facevo fatica a tenermi aggrappato al bastone solo con l’altra, ma riuscii ad alzarmi e porgere il documento.
Lo vidi aprire la custodia in pelle, leggere ed alzare lentamente gli occhi.
“questa è una croce di ferro?”
“si”, risposi,
“è una croce di ferro di seconda classe, dove l’ha meritata?” mi chiese, facendo scorrere lentamente la mano sulla superficie della medaglia.
“a Cassino, in Italia” gli risposi.
Mi consegnò lentamente la custodia e rimase a guardarmi.
Il mio silenzio e lo sguardo fisso immobile devono aver fatto effetto, perché mi disse, “possiamo fare qualcosa per lei?”,
“si, grazie, aiutatemi a sedermi di nuovo sulla poltrona”.
Si avvicinarono a me e prendendomi con delicatezza mi aiutarono di nuovo a
sedermi.
Li ringraziai e loro, salutandomi come si conviene ai militari, tornarono sui loro passi.
Rimasi per un po’ con il documento aperto in mano, con la croce in bella vista e per sfondo una mia foto in bianco e nero, scattata a Cassino, davanti alla tana della MG.

Alla fine, mi ero meritato un po’ di rispetto grazie a quella croce, se l’avessi lasciata a casa mi avrebbero scambiato per un barbone in cerca di calore all’aeroporto.

Non feci in tempo a riporre la tessera che trovai di nuovo davanti a me il poliziotto con una tazza calda di caffè tedesco ed un brezel.
Mi sorrise dicendo: “così si scalda un po’.. spero gradirà”.
Lo ringraziai, ed iniziai a scaldarmi con il caffè.
Ero onorato di quel gesto, un gesto semplice, ma in fondo quello che mi faceva
piacere era il rispetto che avevano avuto per me.
Era stato difficile il rientro in Germania e scoprire le atrocità commesse dal nazismo, per me che ero solo un soldato contavano solo alcuni valori, ma erano gli stessi del nemico, di questo ne ero sicuro.

In fondo al corridoio dell’aeroporto vidi arrivare 3 figure verso di me, “ecco, ci siamo” mi dissi.
Riconobbi mia nipote, ed immaginai subito chi fosse una delle altre due persone accanto, era stata la mia speranza di riconciliazione con il mondo in tutti questi anni, l’ultimo pezzetto di quel mosaico che ormai durava da quasi 70 anni.

Si avvicinarono a me, mi aiutarono ad alzarmi e mi trovai di fronte a lui.
Era il figlio dell’uomo che avevo ucciso a Cassino, quello rimasto sul filo spinato a decomporsi e che seppellii rischiando la vita. Oggi era un uomo della terza età, con i capelli bianchi ed un passo migliore del mio, lo guardai, ci guardammo ed il suo sorriso fu per me l’alba di una nuova vita.

Per tutti questi anni, dopo la lettera scritta ai familiari al mio rientro in patria, dopo il campo di prigionia, mi ero offerto di aiutare economicamente la sua famiglia e loro accettarono dopo un primo diniego.

Erano piccoli versamenti in marchi, ma grandi somme nella loro valuta.

Quei pochi soldi aiutarono quella vedova ad allevare i figli, mandarli a scuola e fargli avere una vita normale, malgrado le difficoltà della mancanza del padre.

Quei figli erano cresciuti, si erano sposati, avevano avuto la loro vita, ma avevano perso il contatto con me, ed io ero vissuto nella speranza un giorno di poterli conoscere.

Quel giorno era arrivato ed ora uno di quei figli era davanti a me, lo abbracciai e lui fece lo stesso con me. Mi diede qualche pacca sulla spalla e ci guardammo di nuovo stringendoci la mano.

“ho fatto solo il mio dovere di soldato” gli dissi, mentre gli stringevo le mani.
“hai fatto molto di più” mi rispose in Inglese e fu tradotto da mia nipote.

Iniziammo a camminare insieme nella grande sala dell’aeroporto, eravamo due mondi che si incontravano dopo quasi 70 anni, avevamo tante cose da dirci, da raccontarci, tanto era il vuoto da riempire nelle nostre memorie.

I giorni a Francoforte passarono veloci, nella casina degli attrezzi ospitai anche il mio amico e gli raccontai tutto quanto accadde in quella notte di luna piena del 1944, quella finestrella era utile per simulare gesti e movimenti.

Mangiammo insieme, dormimmo sotto lo stesso tetto ed andammo in chiesa insieme la domenica, fino alla sua ripartenza.

Non so se l’avrei rivisto, ma ero contento, mi si leggeva in volto.

Avevo tre sogni da realizzare, mi dissi durante la prigionia in Italia, se fossi uscito vivo da quell’inferno; aiutare i figli di quell’uomo che avevo ucciso, vivere in pace il resto dei miei giorni e per ultimo raggiungere i miei camerati.
I primi due li avevo realizzati, adesso dovevo solo attendere di realizzare il terzo, sentivo che non mancava molto, il corpo a volte lancia dei messaggi e questo mio corpo ne aveva viste e sopportate tante.
Spero solo esaudiranno il mio desiderio, vorrei che le mie ceneri siano sparse a Cassino, a quota 593, l’ho chiesto solo a mia nipote.
Per il resto non sta più a me decidere fra l’infermo, il purgatorio o il paradiso.
Credo di averli meritati tutti e tre.

Luigi Settimi per tutti gli amici di 4 passi sulla Gustav.

Musica finale:
Exultate Justi from “Empire of the sun” di John Williams
avatar
Valentino Rossetti
Admin

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.06.10
Località : Brescia

http://www.dalvolturnoacassino.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: 4 Passi sulla Gustav 2011 - X edizione

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum